Progetto di fusione con la Cassa Rurale ed Artigiana di Vestenanova

5.296 Soci

182 dipendenti

37 Filiali

1.397 mln di € Raccolta complessiva

631 mln di € Impieghi vivi

Signori Soci,

 

dopo le positive esperienze aggregative con la BCC di Pedemonte nel 2014 e con la Cassa Rurale ed Artigiana di Roana nel 2017 si apre una nuova fase per il nostro Istituto.

 

Banca Alto Vicentino – Credito Cooperativo di Schio, Pedemonte e Roana e Cassa Rurale ed Artigiana di Vestenanova hanno scelto di dar corso ad un processo di aggregazione che darà vita ad una nuova realtà più adeguata, per dimensione e attitudine, a cogliere le opportunità e affrontare le sfide del mercato così da assicurare il più utile sostegno alle comunità e alle attività economiche delle rispettive zone di competenza territoriale.

 

Le due Bcc, entrambe appartenenti al Gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale Banca, si distinguono per solidità patrimoniale, qualità dell’attivo e adeguato grado di redditività, fattori che ne determinano la classificazione nella migliore classe di rischio secondo il modello Risk Based di Capogruppo.

 

L’operazione consentirà il mantenimento di una struttura patrimoniale solida e una diversificazione del rischio, oltre a vantaggi in termini di economie di scala ed efficientamento della struttura organizzativa, conservando al contempo le caratteristiche di banca locale, senza dimenticare le origini e valorizzando ancora di più la storia e le tradizioni dei territori di provenienza.

 

Di seguito le tappe principali del Progetto di fusione:

 

1° semestre 2020

 

Sottoscrizione del Protocollo d’intesa per l’avvio di un progetto aggregativo fra le due BCC.

 

10 dicembre 2020

 

Approvazione del Piano industriale di fusione con trasmissione dell’istanza autorizzativa alla Capogruppo Cassa Centrale Banca.

 

29 dicembre 2020

 

Approvazione dell’operazione da parte del CdA di Cassa Centrale Banca che ha provveduto all’inoltro della richiesta all’Autorità competente per l’ottenimento dei provvedimenti amministrativi necessari

 

7 aprile 2021

 

Con i Provvedimenti n. ECB-SSM-2021-ITCCE-15(decisione relativa alla fusione) e n. ECB-SSM-2021-ITCCE-16   (decisione relativa alle modifiche statutarie) la Banca Centrale Europea ha autorizzato l’operazione della fusione, accertando che il testo statutario prospettato non contrasta con il principio di sana e prudente gestione.

 

Maggio 2021

 

Convocazione delle Assemblee straordinarie dei Soci per l’approvazione del Progetto di Fusione.

La decorrenza giuridica della nuova Banca è prevista per il 1° luglio 2021.

 

I DOCUMENTI

 

 

INFORMATIVA

 

(*) Ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 2501-ter comma 3 e 4, c.c., si dichiara che il "Progetto di fusione ex. art. 2501-ter c.c." e l'allegato "Statuto Sociale della Banca risultante dal progetto di fusione" sono stati pubblicati nel presente sito in data 15 aprile 2021, unitamente alla restante documentazione. Si dichiara altresì che i citati documenti sono originali.