Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

Storia della Banca

La storia della Banca Alto Vicentino ha inizio a Monte Magrè il 20 settembre 1896, quando i primi 24 soci fondatori costituirono, versando 2 lire a testa, il primo capitale sociale. Suo fondatore fu l’allora parroco del paese Don Riccardo Lucato il quale, quando ancora si lavorava per mangiare e il denaro contante era un lusso per pochi, con l’intento di dare aiuto ai contadini, agli artigiani e agli operai locali e scongiurare il fenomeno dell’emigrazione, decise di fondare una cassa rurale denominata Cassa Rurale dei prestiti di Monte Magrè per offrire loro quel credito che difficilmente avrebbero potuto ottenere dalle altre banche istituzionali presenti nel territorio.

La Cassa nasceva pertanto dalla convinzione di istituire un’opera cristiana volta ad alleviare la miseria e i disagi del paese, spesso sofferente per una mancanza di liquidità e dilaniata dal problema dell’usura.  

Attualmente la Banca Alto Vicentino è il risultato dell'evoluzione di quella piccola Cassa Rurale passata attraverso tre cambi di sede, l’ultimo dei quali risalente al 1988 che portò l’Istituto nel caratteristico edificio di Via Pista dei Veneti a Magrè di Schio. 

In 120 anni di storia e attività, la Banca ha subito più cambi di denominazione sociale. Il 1° gennaio 2014 ha visto la nascita di BANCA ALTO VICENTINO Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte - Società Cooperativa a seguito del processo di fusione tra l’Istituto scledense e la consorella BCC di Pedemonte. Un altro importante evento ha avuto luogo il 1° gennaio 2017 con l’unione tra la Banca Alto Vicentino e la Cassa Rurale ed Artigiana di Roana che ha portato alla nascita di un nuovo soggetto bancario denominato BANCA ALTO VICENTINO Credito Cooperativo di Schio, Pedemonte e Roana - Società Cooperativa. 

Questi processi aggregativi hanno unito in un’unica e solida realtà tre banche ben radicate nel territorio, permettendo di mettere a fattor comune i rispettivi punti di forza e di garantire al contempo il rispetto delle specifiche peculiarità delle comunità di origine: la Val Leogra, la Valle dell’Astico con l’Altopiano di Tonezza e l’Altopiano di Asiago.